Vi raccontiamo la storia di questo vitigno misterioso da cui prende il nome la nostra attività.

Pare che il vitigno Casavecchia derivi da un ceppo solitario di grosse dimensioni trovato per caso, verso la fine dell’Ottocento, in un rudere di un’antica casa romana nelle campagne di Pontelatone, scampato alla terribile filossera di quegli anni.

Da quella pianta sarebbero nate tutte le altre, ottenute con l’antica tecnica della talea o maglione e le piante a piede franco ottenute furono diffuse tra amici e parenti che, a loro volta, le tramandarono a figli e nipoti che ancora oggi le coltivano.

Dal luogo del rinvenimento, una casa vecchia appunto, il nome Casavecchia.

50792631_2154163224675584_2239745519817588736_n

Eventi